"Il Contratto" I suoi 10 Articoli

La Collettività Laica Equa, è il nuovo sito sociale, è Gratuito e è la vostra Organizzazione ! Ecco "La Charte" !

 

La

C ollettività

L aica

E qua


Una collettività di aiuto.
Un'organizzazione indipendente.
Una rete di solidarietà collettiva.


"LA CHARTE"

(Il Contratto)


Articolo 1

Il Passo


Il rispetto autentico delle Leggi, Decreti e Regolamenti della Repubblica Italiana e del Parlamento Europeo.


La creazione di una struttura riservata ad ogni persona fisica, di più di 16 anni, gaudente della sua totale integrità morale ed intellettuale e di una perfetta onestà, non stando rappresentante di nessuna Organizzazione.

Il collocamento in opera di una procedura di "Dono di Tempo" per reciprocità individuale di un aiuto effettuato in rete.

La Collettività Laica Equa, ha per sola vocazione di creare una trama sociale, alterna e complementare, per una solidarietà tra i suoi

Partecipanti.


Articolo 2


  LA GENERALITÀ


1 UNA REGISTRAZIONE GRATUITA :

Per una registrazione annua diretta dei " Partecipanti " per Internet.

2 UNA REGISTRAZIONE COMMISSIONATA:

Per una registrazione annua effettuata dai " Consiglieri ", per i " Participanti " non potendo iscriversi direttamente per Internet.

La realizzazione di un Contributo Forfetario Annuo che dà il diritto di partecipare a " La Clé ", per i  Collettivi, le Associazioni, eccetera....

Per i Servizi e delle Vendite Annesse previste nella cornice di una Partnership con " La Clé ."

Necessita una dichiarazione in " Auto-Imprenditore ", dei " Commissionati ".


Articolo 3

LE CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

 

Avere una rimunerazione personale inferiore a 4.000,00 €uros per mese (valore rivedibile).
Non affiggere un'appartenenza :
- Filosofica 

- Politica 

- Religiosa

- Economica 

sotto qualche forma che sia, né farne il proselitismo.
FORNIRE UN SCHIENALE , a presentare al " Consigliere Locale") :
- la copia della Carta Nazionale di identità recto verso(facultatif).
- Il dettaglio delle competenze (facoltativo).
- L'elenco delle attese chieste e delle disponibilità offerte.
- Il Certificato sull'onore (facoltativo).
- Il Bollettino di iscrizione.
- L'importo, eventuale, della partecipazione annua, (fuori registrazione Internet in diretto, Collettività, Associazione, eccetera).

I minatori di meno di 16 anni non possono partecipare.

OGNI " PARTECIPANTE " R
ICEVE  UN BADGE DI IDENTIFICAZIONE, CORRISPONDENDO ALLA SUA SITUAZIONE GEOGRAFICA, ALLA SUA FUNZIONE IN " LA COLLETTIVITÀ LAICA EQUA", 
AL SUO NUMERO DI REGISTRAZIONE.

(Codice postale + Funzione + Numero di registrazione).

 


Articolo 4

L'ORGANIZZAZIONE

" La Clé "  coordina il funzionamento locale.
Ogni " Partecipante ", può diventare un " Consigliere."


LO STATUTO DEI " CONSIGLIERI " :


I Consiglieri Locali.

 

Il Loro ruolo  Informare, Controllare, Rendere-conto, Proporre.

Sono in relazione diretta con il loro Consigliere Dipartimentale.
Realizzano una notizia pubblica per la distribuzione di bollettini.
Registrano i Partecipanti. Organizzano la rete " di scambi di tempo ."
Tengono la gestione e la contabilità dei " scambi " di ogni Partecipante.
Stabiliscono un elenco delle attese e delle disponibilità.
Verificano il rispetto deontologico di " La Collettività Laica Equa".


Segnalano, alla gerarchia, ogni passo che appare sospetta, nella sua modalità o nella sua natura.

Applicano le sanzioni e le radiazioni, secondo la procedura prevista. 

 

Si mettono in contatto con le Imprese ed Organizzazioni Locali, per segnalarle  :
I bisogni dei Partecipanti a " La Collettività Laica Equa".
Gli accordi che possono essere realizzati tra i Partecipanti di " la Clé ."
(per proporle di partecipare, di interinare o di confutare i progetti previsti dai Partecipanti.
Propongono delle eventuali pianificazioni.

I Consiglieri Provinciali

 

Il Loro ruolo :    prendere delle decisioni in coordinamento coi Consiglieri Locali e Regionali, sorvegliare la gestione.
Controllano il rispetto deontologico di " La Collettività Laica Équa", organizzano la Rete di Scambi.
Stabiliscono le sanzioni e le radiazioni, secondo la procedura prevista.

I Consiglieri Regionali

 

Il Loro ruolo:  deliberare sulle condizioni di partecipazione.
Interinano le decisioni di soppressione provvisoria o di radiazione definitiva, in coordinamento coi Consiglieri Dipartimentali ed il Consiglio Nazionale, secondo la procedura prevista.

Contribuiscono al rispetto deontologico di " La Collettività Laica Équa".

Controllano la gestione.
Stabiliscono le sanzioni e le radiazioni, secondo la procedura prevista.


I l Consiglio Nazionale

 

È  composto di Consiglieri Regionale, rappresentando,:  " La Collettività Laica Équa".
Il suo ruolo:    Deliberare sui casi particolari e litigiosi .
Bada al semifreddo rispetto deontologico di " La Collettività Laica Équa ".

Ogni trasgressione:  di un Partecipante, Consigliere Locale, Dipartimentale, Regionale o Nazionale, alle regole deontologiche di " La Clé ", può essere sancito da una sospensione momentanea alla partecipazione o per una radiazione definitiva di partecipare, secondo la procedura prevista.



Articolo 5

LA COLLETTIVITÀ DI SERVIZI

Realizzare degli scambi di Servizi e di Beni:
Tra i Partecipanti identificati, " Donatori" e " Ricevitori ."
Tra un Partecipante identificato ed un Tierce (Collettività, Associazione, eccetera...).
Tra un Partecipanti e per sé.
Senza causare di pregiudizio alle attività professionali locali.
(in ogni caso di impossibilità di fare realizzare o di acquistare, per le ragioni di deficienza, degli Organismi Professionali Locali, o a causa di una mancanza dei mezzi finanziari del " Partecipante Richiedente").
I Servizi, Derrate, Merci, Materiali, Articoli, Prodotti, le Forniture, eccetera... sono trasformati in " équivalente tempo
 ."
La loro unità è uguale all'una di attività.
Un'ora di attività equivale a 70 €uros (valore rivedibile).
La base massimale settimanale di " dono di tempo "  è di 20 ore.
Ogni " Partecipante " riceve un'attribuzione annua di :

    52 X 20 ore =1.040 ore ne, dono di tempo, costituendo una riserva, che utilizza alla sua convenienza, sotto il controllo del Consigliere Locale. Gli scambi di " tempo " si fanno in via amichevole, per fetta orario, di " dono di tempo ", delle ore promosse e delle ore dato. 
Gli spostamenti sono presi in considerazione. 

Il contingentamento di base non deve superare mai 1.000 ore.
L'attività personale o di utilità sociale, può essere presa in conto, in quanto dono di tempo ad un Terzo, (dopo accordo del Consigliere Locale o della gerarchia e del suo controlo).
I casi particolari, dono di tempo alla 
Collettività, sono sottomessi alla decisione dei Consiglieri Locali, Dipartimentali o Regionali, in accordo con gli Organismi riguardati. 


I casi litigiosi sono risalito alla Gerarchia Nazionale.

Un controllo tecnico, sulla regolarità degli scambi, è realizzato ogni mese.

Una quadratura contabile è effettuata in fine di esercizio, I Consiglieri, le Casalinghe (con bambino di meno di 16 anni) o lavorando (alla proporzione eventuale di un tempo parziale), le persone di più di 60 anni o handicappati, non hanno a rendere conto. 

I "creditori" in sorpassi di orario (al di sotto di 20 ore settimanali medie), sono considerati in volontariato. I "debitori" (al rovescio di 20 ore 

settimanali medie),

 devono rimediare a questa irregolarità al più presto e giustificarla, sotto pena di sanzioni,   (soppressione momentanea o radiazione definitiva, per studio dello schienale, dopo una procedura di esame con l'interessato).

 


ALCUNI PRODOTTI SONO VIETATI DI SCAMBI :
Ogni prodotti farmaceutici.
Ogni prodotti riconosciuti nocivi o pericolosi.



ARTICOLO 6

LA COLLETTIVITÀ DI FAMIGLIE

CONCEZIONE


Realizzare le condizioni di vita familiare più appropriata, nello svolgimento della loro presa incaricata.
Realizzare un habitat conforme ed adattato alle necessità del miglioramento delle condizioni di igiene quotidiana e di buona salute, senza distinzione sociale.
Assicurare la protezione delle persone e dei loro beni.
Assicurare l'aiuta, l'onestà, l'ordine e la disciplina.
Assicurare l'equilibrio e la sopravvivenza delle specie.
Stabilire una gerarchia delle competenze di ciascuno.

Non possono partecipare a " La Collettività di Famiglie ", ogni persona,:
- implicata in una struttura.
- avendo degli antecedenti psichiatrici o giudiziali

(nell'assenza di cure consecutive, probanti ed appropregati, essendo oggetto di un seguito patente).
Utilizzando delle sostanze nocive o pericolose per la salute.
(un Certificato sull'onore, è esatto).


Articolo 7

LA COLLETTIVITÀ DI RICERCA E DI INNOVAZIONE;

Creare le condizioni, in ricerca ed innovazione, non entrando in concorrenza con le strutture esistenti delle Imprese.
Realizzare le strutture adattate alle esigenze deontologiche di " La Collettività Laica Équa".
Realizzare, delle Partnership con le Imprese.
Realizzare delle disposizioni, nell'assenza di Partnership.
Aiutare alla Creazione delle nuove strutture in " Auto-Entreprise ."

Sono vietati di ricerca, innovazione, né creazione : 

Ogni prodotti farmaceutici.
Ogni prodotti riconosciuti pericolosi o nocivi.



ARTICOLO 8 

LA COLLETTIVITÀ DI SCAMBIO CON LO STRANIERO
 

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE


- Essere di Nazionalità italiana, Straniera o di doppia nazionalità.
- Essere residente in Italia o allo straniero.
- Essere in situazione regolare di soggiorno in Italia o nella Comunità Europea.

ELABORAZIONE


Realizzare delle condizioni di scambi Culturali, di Tempo libero e di Turismo tra le diverse Regioni francesi e le differenti Regioni dei Paesi partecipanti.
Promuovere l'apprendistato dell'esperanto, lingua ufficiale della Chiave « La Clé », per gli scambi coi paesi, non francofoni.

È ricordato, che ogni persona che rappresenta una struttura :
- Filosofico

- Politica

- Religiosa

- Economico

non può partecipare alla Collettività Laica Equa.



ARTICOLO 9

IL FUNZIONAMENTO

STATUTO DEI CONSIGLIERI

- Ogni Consigliere è un Partecipante di " la Clé".
- È in Partnership con " La Collectivià Laica Equa".
- Può essere un imprenditore individuale in " Auto-Entreprise ."

STRUTTURA

Il Consigliere è in totale indipendenza, per la vendita di Beni e di Servizi.

È dichiarato " Auto Imprenditore "  al CFE con N° di SIREN.
Può essere in 

1° Impiego, 

Studente, 

Disoccupato,

Pensionato, 

Salariato, 

Funzionario,

a titolo Principale o Complementare,.

Deve essere informatizzato e rilegato ad Internet per l'ADSL.
La sua pubblicità e la sua domiciliazione possono essere
 stabilite individualmente o in partnership con:  " la Collettività Laica Equa" :

È tenuto di stabilire una Contabilità concisa, senza IVA, secondo il regime della « Auto-Impressa ».



Articolo 10

 

Nessuno dei 10 Articoli di questa Carta  « Charte » (Contratto) può essere modificato, né soppresso.  

La Cle PNG.png

© 2011 La Collectivité Laïque Equitable - 83136 GAREOULT | E mail : pcg.italia@gmail.com
 
 
ce site a été créé sur www.quomodo.com